Start-up: Interpretazioni in divenire

Che si tratti di un tema caldo è ormai evidente da tempo. Tutti ne parlano, molti ne scrivono e oggi risulta quasi impossibile leggere un giornale senza imbattersi almeno una volta in questo termine. Ma che cosa è una “start up”?

Forse la definizione più popolare di startup è di Eric Ries, il fondatore del Lean Startup, il quale afferma che “La startup è un’istituzione umana concepita per offrire nuovi prodotti o servizi in condizioni di estrema incertezza”. Egli pone l’accento sul fatto che la startup sia prima di tutto un’organizzazione di tipo umano, e lo sottolinea perché come spesso accade si arriva ad identificare la startup esclusivamente con ciò che fa, con il suo prodotto o servizio.

Anche il Co-fondatore e CEO Wil Schroter di Startups.co ha la sua definizione: “Una startup è l’incarnazione vivente del sogno di un fondatore”, afferma Wil. “Rappresenta il viaggio dall’idea alla realtà. È una delle poche volte in cui puoi prendere qualcosa che è solo un sogno e trasformarlo in qualcosa di reale, non solo per te stesso, ma per il mondo intero”.

Una startup è anche una casa per “i pazzi”. Molti concordano sul fatto che una parte assolutamente essenziale di una startup è la squadra. Per Chris Kane, co-fondatore e CEO di MunchMoney, “una startup è il più grande gruppo di ribelli, violatori di regole e pensatori non convenzionali che puoi trovare, convincere e ispirare per creare cambiamenti rivoluzionari nel mondo”, afferma Chris”. “Queste persone selezionate sono in realtà – come conferma Steve Jobs – “quelle pazze “.

Guardano il mondo da una prospettiva diversa e non hanno paura di fallire. Ignorano “ciò che è” per “ciò che potrebbe essere” e rischiano i loro mezzi di sostentamento per raggiungere quell’obiettivo, indipendentemente dalle probabilità “. A volte il modo migliore per capire una semplice definizione di un grande concetto è pensare a come lo spiegheresti ad un bambino. Jochem Wijnands, il fondatore di una startup acquisita da Apple nel 2014 e TRVL.com, spiega: “Una startup è una versione moderna di un inventore. Prova un problema e poi cerca di scioglierlo con l’ingegno, lo risolve e rende il mondo un posto migliore”. “La cosa sorprendente del termine” startup “è che non ha confini definiti”.

“Una startup sa essere la gioia che uno studente prova nel suo primo giorno di lezione, rilassato e ringiovanito da un’estate lunga ed eccitante, pronto a condividere i ricordi estivi con i propri amici”. “Questo mix di emozioni è esattamente ciò che incarna una startup, fatta di imprevedibilità e perdita di stabilità e che gli imprenditori affrontano temporaneamente. Una caratteristica che la maggior parte delle persone sembra concordare sulla definizione di una startup è il focus sulla crescita. Mentre le piccole imprese possono essere felici di rimanere per sempre piccole imprese, una start up non vuole rimanere piccola. “Tutte le start-up per loro stessa natura inizieranno ad essere piccole imprese, ma non tutte le piccole imprese sono startup. La differenza con le startup è che il loro obiettivo non è più essere una startup in futuro”.

È evidente come tali definizioni denotino una straordinaria ampiezza di vedute. Ma è indubbio che vi siano altri aspetti da considerare. “Una start up è una organizzazione temporanea progettata per ricercare un modello di business scalabile e ripetibile”. Queste iniziative imprenditoriali sono in genere avviate da 1-3 fondatori che si concentrano sulla capitalizzazione di una domanda di mercato percepita, sviluppando un prodotto, un servizio o una piattaforma attuabili. Durante le prime fasi di lancio, le startup sono di solito autofinanziate dai membri del team fondatore – per quanto il 66% delle startup garantisca finanziamenti attraverso un investitore o stipuli un prestito per contribuire a finanziare la propria impresa. In genere, le imprese che investono in startup preferiscono una quota di minoranza: hanno il pieno controllo nel 4,5% dei casi e la maggioranza nel 18,3%. La formula funziona: le aziende che puntano sul corporate venture capital hanno debiti finanziari leggermente più alti della media, ma registrano una redditività maggiore. Tradotto: investire in startup non è un peso ma una spinta per il proprio bilancio.

2018-11-08T11:02:37+00:00